Prepararsi al Futuro con l’Economia Civile

In occasione della prima edizione del Festival Nazionale dell’Economia Civile di Firenze, sarà lanciata una call aperta a tutte le scuole d’Italia per presentare progetti, esperienze e iniziative che si riconnettono ai principi dell’Economia Civile.

NeXt ha realizzato e continua a realizzare diversi percorsi di alternanza scuola-lavoro attivati in Piemonte, Liguria, Lombardia, Emilia-Romagna, Veneto, Friuli, Toscana, Marche, Lazio, Campania, Puglia, Sicilia e Sardegna per trasmettere ai giovani non solo contenuti ma anche metodologie e strumenti di progettazione partecipata e sostenibile.

Sono due le modalità formative proposte alle scuole e applicate a seconda della disponibilità oraria dei docenti. La prima soluzione è quella dell’e-learning: 15 ore da svolgere online con la consulenza del docente, con l’obiettivo di permettere agli studenti di progettare un’azione concreta di economia civile, partecipata e condivisa, per la propria scuola.

La seconda modalità è mista: 9 ore in aula con i formatori ed esperti del mondo imprenditoriale e del Terzo Settore, secondo il modello dei laboratori Prepararsi al Futuro NeXt e 6 ore da svolgere online per approfondire temi e strumenti della progettazione sociale.

Lo strumento di lavoro per le scuole che partecipano alla call a distanza o attraverso i laboratori è il Canvas della Nuova Economia per le Scuole, una metodologia di supporto per la realizzazione di progetti e iniziative già connessi con i temi dello sviluppo sostenibile e dell’innovazione sociale.

Il punto di partenza è il territorio e la lettura dei suoi bisogni – economici, sociali e ambientali – e la capacità di coinvolgere tutti gli attori economici e non che lo abitano.

I giovani (in particolare dai 16 ai 18 anni) e le scuole che partecipano a questo percorso hanno tempo sino al 8 marzo 2019 per candidare i propri progetti.

In questa prima fase di attività, tra i temi consigliati ci sono: la rigenerazione urbana – per prendersi cura di beni abbandonati o degradati presenti nel proprio territorio; il riciclo e il riuso delle risorse – per costruire nuove professionalità soprattutto in campo artigianale e tessile; il turismo sostenibile – per la promozione delle “bellezze nascoste” e delle realtà imprenditoriali di valore presenti a livello locale.
Ma non esiste confine alla creatività di ragazzi che fino a oggi si sono sentiti “fuori” dal concetto di economia e di network!

Parallelamente continua anche il prezioso lavoro della SEC – Scuola di Economia Civile, che oltre a supportare la diffusione della call nelle scuole, con percorsi attivi nei LES – Licei Economici Sociali, continua anche con percorsi di aggiornamento professionale sull’economia civile per i docenti di tutte le scuole italiane. È importante consolidare i temi e i principi dell’economia civile anche in una logica di multidisciplinarietà.

Tutte le scuole e i giovani partecipanti saranno vincitori di una manifestazione che valorizza idee ed esperienze presentate. Sarà previsto anche, per la classe che presenterà il miglior progetto di economia civile al concorso Prepararsi al Futuro… le scuole verso Firenze la possibilità di avere viaggio e alloggio pagato per partecipare al Festival Nazionale dell’Economia Civile dal 29 al 31 marzo 2019. Per il secondo verrà organizzata una visita gratuita presso una delle aziende di economia civile presenti nel territorio della scuola.

Per eventuali informazioni scrivere a contest@festivalnazionaleeconomiacivile.it

Condividi su